Al momento della spesa ci assale sempre un dubbio, quali saranno le migliori tipologie di detersivo per ottenere un ottimo bucato. In questo articolo vi sveleremo i segreti per lavare i panni in maniera perfetta, senza fare passi falsi e dover ripetere i lavaggi più volte.

Ormai nel mercato è disponibile una scelta infinita di prodotti per la pulizia, anche per i detersivi della lavatrice è possibile avere un ampio spettro di possibilità. Per poter scegliere in maniera consapevole un prodotto, prima di tutto dobbiamo conoscere e approfondire le caratteristiche specifiche, ricordando sempre che il risparmio non è sinonimo di qualità.

Ora vediamo insieme come scegliere il detersivo adatto alla nostra lavatrice, che possa essere anche rispettoso dell’ambiente circostante, non solo economico ed efficiente. La qualità di un prodotto non può essere valutata solamente dal suo prezzo, ma sarà fondamentale informarsi sulle sue componenti chimiche utilizzate dalle aziende, diffidate di alcune descrizioni e promesse! Ecco la guida completa sui detersivi per la lavatrice, a voi la scelta!

Il detersivo in polvere

Spesso si sentono tanti falsi miti sull’utilizzo del detersivo in polvere, come per esempio che è migliore poiché concentrato, ma bisogna andare al di là delle spiegazioni semplicistiche e approfondirne le caratteristiche.

Senza dubbio il detersivo in polvere è capace di eliminare maggiormente le macchie e combattere lo sporco in maniera tenace, rispetto ad altre tipologie di prodotto. Il lato economico risulta un altro punto a suo vantaggio, in quanto consente di utilizzare una minore quantità per essere efficace. All’interno del prodotto vengono sempre aggiunti degli agenti sbiancanti e anti-odore, per questo motivo è indicato per capi che ha bisogno di una pulizia profonda, come biancheria, asciugamani o capi bianchi. Fondamentale è seguire le istruzioni riportate nella confezione e applicare la giusta temperatura, poiché il rischio è quello che la polvere non si sciolga correttamente.

Questa tipologia di detersivo però generalmente lascia dei residui, non si consiglia dunque per lavaggi brevi o per indumenti delicati e scuri, che potrebbero macchiarsi. Inoltre si consiglia una corretta e costante manutenzione dell’elettrodomestico, in modo tale che il detersivo depositato venga rimosso periodicamente. Quando non si effettuano queste operazioni si rischia di danneggiare in maniera permanente la lavatrice e dover comprare un altro elettrodomestico a causa delle poca cura e pulizia, che invece deve essere periodica e accurata.

Il detersivo liquido

Nel tempo la composizione dei detersivi liquidi ha migliorato la formula, dunque appare efficace nella rimozione sicura ed efficace delle macchie. Il rispetto dei colori originali dei capi e delle fibre è sempre garantito, pur nel corretto utilizzo del prodotto come viene riportato sulla confezione. La facilità del dosaggio e di utilizzo, nonché le buone prestazione sullo sporco ostinato, rendono i detersivi liquidi dei comodi alleati per ottenere un bucato perfetto. Molti detersivi liquidi possono anche essere utilizzati concentrati per combattere le macchie prima del lavaggio in lavatrice, per le macchie più ostiche è consigliato infatti pretrattamento.

Tutti i detersivi liquidi, a differenza di quelli in polvere, non tendono a depositarsi e per questo motivo assicurano una minore manutenzione degli elettrodomestici e maggiore rispetto dell’ambiente circostante. Consigliati sui capi delicati e quelli colorati, non lascia residui, neppure durante i cicli brevi o ecologici. Un’ampia scelta di prodotti liquidi consente di scegliere la composizione e le caratteristiche adatte al tipo di prodotto che dobbiamo lavare: lana, cotone, sintetico e altri. Le note negative sui detersivi liquidi si riversano sul risparmio e sull’efficacia se messi a paragone con i prodotti in polvere. Hanno infatti minore efficacia sulle macchie e si consumano molto più velocemente, occhio al portafoglio!

Gli esperimenti scientifici sull’utilizzo del detersivo: cosa dicono gli esperti

Secondo i test scientifici, i detersivi più efficaci per smacchiare i tessuti sono anche quelli più inquinanti, come rivela uno studio tutto tedesco sui detersivi in polvere. Sulla scia di questi test sono stati analizzati anche u risultati ottenuti con i detersivi liquidi e la loro composizione, per comprendere come valutarne l’efficacia in base agli elementi.
L’impatto ambientale dei detersivi causa inquinamento a prescindere dalla loro forma e soprattutto agli ecosistemi marini, che sono i più colpiti dalle sostanze chimiche.

L’importante è fare una scelta si tipo etico, per salvaguardare l’ambiente dalle sostanze più nocive presenti nei detergenti, sebbene in quantità minori in quei prodotti che promettono alternative ecologiche, ma secondo i test meno efficaci sulle macchie ostinate.

Controllare sempre il dosaggio del detersivo

L’eccesso causa sempre problemi, anche per le lavatrici! Un utilizzo smodato di detersivo, che sia in polvere o liquido, può causare danni agli elettrodomestici. Questo rappresenta l’errore più comune al momento del lavaggio del bucato, poiché per ottenere un bucato pulito e profumato si tende ad utilizzare dosi di detersivo eccessive.

Mentre la risposta a questo dubbio può essere risolta facendo uso delle quantità indicate dalle stesse aziende produttrici o nelle confezioni dei detersivi.
Per non sbagliare il dosaggio consigliamo di utilizzare la famosa pallina dosatrice che deve essere inserita all’interno dell’oblò, per entrambe le tipologie di prodotto (liquido o in polvere). In questo modo si evita che
un parte del detergente utilizzato possa andare perduto.

Perché dobbiamo evitare i detersivi troppo economici?

Quando compriamo un detersivo è fondamentale stare attenti al prodotto che stiamo scegliendo, come abbiamo detto sopra la composizione determina non solo l’efficacia, ma anche un danno per l’ambiente. Un prezzo elevato di un detersivo non è sempre sinonimo di migliore qualità ed efficacia, ma bisogna diffidare anche del principio contrario. Secondo numerosi studi, anche le marche che promettono una maggiore attenzione all’ambiente, contengono degli elementi nocivi e inquinanti.

Ma di contro comprare un detersivo molto economico potrebbe portarci ad aumentare il dosaggio di prodotto utilizzato, poiché troppo blando per avere reale efficacia pulente. Prima dell’acquisto leggete sempre le etichette, anche prodotti con una componente chimica molto forte possono danneggiare lavatrice e capi.

I nostri consigli sul detersivo

Insomma abbiamo compreso che la composizione dei detersivi è la caratteristica che fa davvero la differenza tra i vari prodotti e le varie tipologie presenti sul mercato. Gli ingredienti fanno davvero la differenza: se sono presenti tensonattivi, sbiancanti, agenti sequestranti o sostanze. che si intrecciano alle fibre.

La presenza di acqua, soprattutto nei prodotti liquidi, è sicuramente una caratteristica che consente di sciogliere i maniera più semplice tutti gli ingredienti e di dosare meglio il prodotto da utilizzare. Ma anche i prodotti in polvere vengono alterati con materiali inerti, che servono semplicemente per aumentare il volume del detersivo.

Infine normalmente tutti i detersivi in polvere utilizzati per il bucato puliscono meglio le macchie più ostinate e le macchie di frutta, mentre quelli liquidi generalmente hanno una maggiore efficacia nello sgrassare.

Detersivi per lavatrici più usati

Quale detersivo scegliere per un buon bucato: liquido o in polvere?