Cosa fare quando la lavatrice puzza

Quando facciamo la lavatrice speriamo sempre che i capi siano puliti e molto profumati, purtroppo però può succedere che il bucato emette un cattivo odore: esso potrebbe puzzare di muffa e di umido, anche se sono stati usati ammorbidente e detersivo. Non bisogna allarmarsi, poiché si può rimediare a questo disagio.

Kit di pulizia lavatrice più venduto

Quali sono le cause maggiori?

I motivi per il quale il bucato puzza possono essere tanti, potrebbe esserci un accumulo di batteri, resti di detersivo sui capi, oppure muffa che si è creata all’interno dell’elettrodomestico. Quest’odore sgradevole potrebbe dipendere anche da un errato funzionamento della macchina, infatti può succedere che la lavatrice non diluisca bene i prodotti utilizzati, causando un ristagno dell’acqua sporca e i batteri si moltiplicano e sopravvivono all’interno. Proprio per questi motivi si potrebbe generare il cattivo odore di muffa.

Un consiglio è quello di vedere se la lavatrice si riscalda, facendo un ciclo a temperatura molto alta, toccando l’oblò durante il lavaggio (dopo mezz’ora circa dall’avvio).

Come eliminarli?

Prima di effettuare una corretta pulizia ti suggeriamo di indossare dei guanti in gomma, proprio perché i prodotti utilizzati potrebbero corrodere la cute delle mani, oltre al fatto che potresti sporcarti.

I resti di detersivi accumulati all’interno della lavatrice possono causare la proliferazione di muffe e batteri. Prima di tutto bisogna assicurarsi che non ci siano pezzi di detriti nella guarnizione di gomma dell’oblò della macchina.

Questo componente serve per evitare che si perda l’acqua durante il ciclo di lavaggio, ma spesso può accumulare sabbia, pietre, capelli e fango; infatti un consiglio utile è quello di pulire bene le scarpe prima di metterle in lavatrice.
Se ogni componente dell’elettrodomestico è pulito, ma continuano a sprigionarsi cattivi odori, il problema allora potrebbe essere di diversa natura.

Alcune volte si possono generare degli accumuli di detersivo intorno al cestello, che con il tempo generano la formazione batteri e sporco, che possono creare odori sgradevoli. Questo succede se vengono utilizzati prodotti di cattiva qualità e la macchina non riesce ad eliminarli del tutto durante la fase di risciacquo e si creano cattivi odori.

Rimedi per eliminare la puzza

Prima di parlare dei consigli generali, è bene dire che un ottima abitudine potrebbe essere quella di ricordarsi di lasciare l’oblò della lavatrice leggermente aperto quando finisce un ciclo di lavaggio, proprio per agevolare la corretta asciugatura delle componenti della lavatrice ed evitare la proliferazione di muffe e batteri.

Ora parliamo dei consigli veri e propri.

Bisogna pulire regolarmente la guarnizione di gomma e ciò che si accumula all’interno; questo suggerimento potrebbe essere molto risolutivo. Un altro consiglio per togliere i cattivi odori è quello mettere mezza tazza di bicarbonato di sodio e due di aceto bianco in un ciclo di lavatrice a vuoto, usando la temperatura più alta (generalmente 90 gradi). Il bicarbonato è un valido alleato per eliminare i cattivi odori presenti negli elettrodomestici, invece l’ceto bianco elimina i cattivi odori, ma aiuta pure a togliere le incrostazioni di detersivo.

Successivamente bisogna far finire il ciclo e poi farne un altro con acqua fredda (quindi a zero gradi) per ottenere in questo modo un risultato ottimale. Se dopo aver seguito questi trucchi l’odore cattivo persiste, allora si può fare un lavaggio di solo aceto bianco, oppure l’olio di eucalipto, sempre a novanta gradi.

Nel caso in cui il problema non si sia risolto completamente, allora potrai pulire bene l’interno della macchina con l’ausilio di un prodotto che si può trovare facilmente sul mercato, mettendo mezza busta o liquido nel cestello e facendo un ciclo ad alta temperatura.

Prima di procedere con il ciclo di lavaggio vero e proprio dei tuoi capi, un ultimo consiglio da seguire è quello di pulire l’interno della lavatrice e il cestello con una spugna ruvida e i tuoi vestiti saranno di nuovo profumati e puliti.
Effettuare una corretta manutenzione periodica potrebbe aiutarvi ad aumentare la vita dell’elettrodomestico.
Potresti usare anche un prodotto specifico che serve per eliminare il calcare e quando fai la spesa dovresti preferire detersivi di qualità maggiore.

In commercio esistono diversi prodotti specifici per il bucato, quindi per risparmiare potresti rischiare d’incappare in prodotti di scarsa qualità. Devi sapere che basso costo non vuol dire per forza scadente, perciò ti consigliamo di valutare bene ogni acquisto che effettuate e scegliere quello che fa più aò caso vostro.

Errori da non fare

Dopo aver parlato dei trucchi e dei consigli preziosi da seguire per poter pulire ed eliminare i cattivi odori della vostra lavatrice, ora parleremo degli errori da evitare assolutamente.
La cosa principale da sapere è che non bisogna mai adoperare l’ammoniaca, specialmente insieme alla candeggina e non usare mai utensili non adatti per questo scopo, poiché potrebbero rompere i componenti della macchina.

Puzza di muffa

Alcune volte la guarnizione potrebbe creare delle antiestetiche macchie di muffa di colore scuro. Questo avviene specialmente per le lavatrici a carica frontale a libera installazione o integrata o per quelle con la carica dall’alto. La giusta soluzione potrebbe essere quella di mettere la giusta dose di prodotti, leggendo bene le istruzioni scritte dalla casa produttrice. Evitare anche di utilizzare solamente cicli a freddo ed eseguire spesso quelli ad alte temperature.

Un altro consiglio è quello di lasciare la porta dell’oblò aperta e anche il cassetto dei detersivi, per far asciugare bene la lavatrice tra un ciclo e l’altro ed evitare in questo modo condizioni climatiche sfavorevoli, che garantiscono la formazione di batteri e muffe, che causano i cattivi odori.

Devi fare periodicamente un ciclo a 90 gradi usando un prodotto apposito per effettuare una corretta manutenzione dell’elettrodomestico. E’ fondamentale pulire bene il cassetto che serve per mettere i vari detersivi e prodotti e rimuovere i residui passandolo sotto l’acqua calda. Togli questo cassetto e usa un vecchio spazzolino per i denti per eliminare lo sporco che si accumula con il tempo.

Per aiutarti con l’operazione e se dopo aver sciacquato il cestello sono ancora presenti dei residui di sporco, potresti aiutarti con dei bastoncini di cotone che si utilizzano normalmente per detergere le orecchie. Periodicamente devi pulire anche la pompa e il filtro e spegni la macchina. Apri lo sportello del filtro e metti una vaschetta per raccogliere l’acqua che uscirà fuori e apri il tubo di scarico che si trova vicino il filtro. Toglilo girando in senso antiorario più volte, puliscilo e rimontalo; chiudi il tubo di scarico e mettilo nella posizione iniziale e chiudi lo sportello del filtro di lanugine.